Gli errori comuni nella fioritura di cannabis

Marco Ribechi
10 Oct 2021

Quali sono gli errori più comuni nella fioritura della cannabis? Buddha Seeds ha raccolto i più ricorrenti nella fase di fioritura, alcuni di loro potreste averli già commessi, ma come si dice, si può sempre imparare dai propri errori


Potatura e trapianto

Nella fase di fioritura delle piante autofiorenti e fotodipendenti non si raccomanda di potare o trapiantare, perché questo può causare stress alle piante. In altre parole, lo sviluppo e la fioritura delle piante possono essere paralizzati per alcuni giorni. Questo stress può influenzare la loro produzione finale. Pertanto, l'ultimo trapianto dovrebbe essere fatto prima di passare le piante alla fioritura. Nelle coltivazioni indoor, lasciate passare qualche giorno affinché le radici si sviluppino nel nuovo vaso. Nelle coltivazioni all'aperto il trapianto può variare da metà luglio a metà agosto. Invece di potare durante la fase di fioritura si può optare per tecniche di coltivazione come il LST (Low Stress Training). La LST si basa sul legare i rami con una piccola corda e tirarli gradualmente verso il basso. In questo modo, la crescita apicale della pianta è paralizzata e i rami laterali iniziano a svilupparsi.

Controllo del pH

Il secondo degli errori nella fioritura di cannabis è quello non controllare il pH dell'acqua di irrigazione. Buddha Seeds raccomanda di misurare il pH durante tutta la coltura per assicurarsi che la pianta stia assimilando i nutrienti. Pertanto, se vogliamo ottenere raccolti eccellenti è necessario controllare il pH e la EC nelle colture di cannabis. Per le colture del suolo possiamo seguire i seguenti valori nelle tre fasi della coltivazione. Ricordatevi di calibrare i vostri misuratori prima di usarli per la prima volta.

  • -Germinazione: si raccomanda un pH di 5,8.
  • -Crescita: il pH raccomandato è 6
  • -Fioritura: nella prima irrigazione si consiglia un pH di 6,1 e aumentare di un decimo ad ogni irrigazione fino alla quinta irrigazione con un pH di 6,5.

Dalla quinta irrigazione manteniamo il pH a 6,5 fino alla fine della coltura. In questo modo ci saranno sempre sostanze nutritive disponibili per le piante. L'ideale sarebbe avere un misuratore digitale.

Avvicinare il riflettore alla pianta

Questo è un altro degli errori nella fioritura della cannabis: portare il bulbo troppo vicino alla pianta senza rispettare una distanza di sicurezza, facendo bruciare le punte. La temperatura sulla punta delle piante non dovrebbe mai superare i 28ºC. Al contrario, se c'è troppa distanza tra la lampadina e la pianta, la crescita si blocca perché non riceve abbastanza luce. È necessario trovare un punto di equilibrio tra la temperatura e la distanza della lampadina e a seconda del tipo di illuminazione, ma si raccomanda approssimativamente di mantenere una distanza tra 60 e 80 centimetri. Man mano che le piante crescono, ridurremo questa separazione.

Non rispettare la fase oscura

Questo punto avviene sia nelle coltivazioni indoor che in quelle esterne. Le piante dovrebbero avere 12 ore di buio totale durante tutta la fase di fioritura. Per esempio, nelle coltivazioni indoor con la lampadina spenta non dovremmo mai accendere nessuna luce nella zona di coltivazione, a meno che non sia la "GreenLight". Questa pratica è anche un errore molto comune nella coltivazione della cannabis fotodipendente durante la fase di fioritura, soprattutto tra i coltivatori principianti che non sono consapevoli delle gravi conseguenze. Con le piante di cannabis autofiorenti non c'è bisogno di preoccuparsi dell'inquinamento luminoso in questo senso. Se le piante ricevono l'inquinamento luminoso durante il loro periodo di oscurità, possono essere stressate e ri-vegetare (tornare alla fase di crescita). Inoltre, questo fattore può causare ermafroditismo in alcuni esemplari. Nel frattempo, nelle coltivazioni all'aperto è necessario prestare attenzione se la pianta riceve luce, per esempio dai lampioni. Il modo ideale per evitare l'inquinamento luminoso nella coltivazione indoor è quello di usare le tende da coltivazione. Poiché sono impermeabili e opachi, impediscono il passaggio della luce.

Raccolta prima del tempo

Un altro degli errori comuni nella fioritura di cannabis del quale ci si può pentire maggiormente è quello di essere impazienti nella raccolta. Per raccogliere le nostre piante è necessario osservare il colore dei tricomi in maturazione. È necessario utilizzare una lente d'ingrandimento o un microscopio manuale. La regola del 70% di pistilli marroni non è valida, poiché ci sono varietà sativa pure che vengono raccolte con pistilli completamente bianchi. Da Buddha Seeds si consiglia di farsi guidare dal colore dei tricomi: - Tricomi trasparenti: in questo momento i tricomi sono immaturi, sono ancora in fase di sviluppo. È troppo presto per raccogliere. - Tricomi bianchi lattiginosi: momento ideale per la raccolta. Quando i tricomi sono del colore del latte è quando il THC è al suo massimo. La maggior parte dei tricomi sono bianchi, tranne una piccola percentuale che mostra un colore ambrato. C'è anche un'altra piccola percentuale di tricomi che mostrano un aspetto trasparente. - Tricomi ambrati: si verifica la degradazione del THC, quindi perderemmo la proprietà psichedelica della pianta. Questa opzione è presa in considerazione dai consumatori che vogliono addormentarsi. Pertanto, a seconda dello stadio di maturazione dei tricomi in cui raccogliamo, gli effetti varieranno, da stati più psichedelici a stati più narcotici.

M
Marco Ribechi