Legalizzazione della cannabis: la situazione legislativa globale

legalizzazione della cannabis globale

Legalizzazione della cannabis globale: uno sguardo d’insieme su alcune situazioni nel mondo in merito. Poiché la legislazione sulla cannabis è stata promulgata in tutto il mondo, i paesi devono affrontare problemi con i sistemi di regolamentazione per legalizzare la cannabis.

Sebbene gli effetti generali della cannabis abbiano portato benefici agli utenti sia dal punto di vista medico che ricreativo, ci sono limiti critici negli studi sulla cannabis che valutano gli effetti della depenalizzazione. Molti paesi e governi statali hanno stabilito regole e regolamenti che precedono chi dovrebbe essere idoneo per l’uso di marijuana medica. La diversità dei gruppi di popolazione, tuttavia, è una delle principali preoccupazioni dei governi per legalizzare la cannabis per uso ricreativo.

Studi approfonditi in tutto il mondo hanno portato a molte innovazioni sulla marijuana o allo sviluppo di nuove varietà e forme. Per questo motivo, le politiche progressiste sulla marijuana motivano sempre più i paesi a legalizzare la cannabis per i suoi diffusi benefici medici e ricreativi. Nel frattempo, siamo anche testimoni di come la legalizzazione della marijuana possa effettivamente ridurre i tassi di criminalità.

Ecco un’istantanea delle politiche che i paesi di tutto il mondo stanno implementando negli sforzi per intensificare e legalizzare la cannabis.

Legalizzare la cannabis: legislazione sulla cannabis da parte dei paesi

Stati Uniti

legalizzazione della cannabis globale

Un sondaggio Gallup del 2019 mostra che l’86% degli americani intervistati sostiene la legislazione sulla cannabis a causa dei suoi benefici medici. Alcuni stati degli Stati Uniti godono già dei benefici della cannabis medica e anche le leggi statali sull’uso ricreativo stanno prendendo slancio.

Sebbene la legge federale sia stata coerente con lo status illegale della cannabis, per la maggior parte, la sperimentazione con le politiche di liberalizzazione e depenalizzazione della marijuana sta diventando più progressiva.

Gli Stati Uniti sono stati tradizionalmente contrari alla legislazione sulla cannabis. Il Marihuana Tax Act del 1937 ha consentito questa posizione rendendo il possesso e il trasferimento di marijuana tra stati illegali ai sensi della legge federale. Ma poiché le leggi sull’accesso ai pazienti sanitari si sono evolute negli ultimi cinque decenni, gli stati stanno sperimentando la legalizzazione dei mercati ricreativi.

Inoltre, è interessante notare che tra il pubblico la marijuana è attualmente vista come un elemento essenziale. risultati di un sondaggio YouGov pubblicati ad aprile hanno scoperto che poco più della metà (53%) degli americani su 5.000 che hanno partecipato al sondaggio, credeva che i dispensari di marijuana medica dovrebbero essere considerati servizi essenziali poiché lo scoppio del Covid-19 ha spinto tutte le aziende a chiudere tranne l’essenziale. I prodotti a base di cannabis sono stati venduti sempre più dall’inizio della crisi sanitaria. Tutto ciò costituisce un terreno fertile per ulteriori e positivi cambiamenti nella legislazione.

Uruguay

L’Uruguay è stato il primo paese al mondo a legalizzare completamente la cannabis per uso medico e ricreativo nel 2013, quando hanno compiuto passi senza precedenti per essere i primi al mondo a legalizzare la cannabis e regolarla per uso ricreativo. La legge consentiva agli uruguaiani di poter acquistare fino a 40 grammi al mese dalle farmacie. Questo paese sudamericano ha anche legalizzato la coltivazione domestica fino a sei piante nel 2014.

Poiché i proprietari di aziende di cannabis affermano che si tratta di un business in forte espansione, in Uruguay non è certo un pothead free-for-all. La marijuana è disponibile solo per i cittadini e gli stranieri residenti nel paese. Gli utenti non medici devono registrarsi per acquistarlo. Secondo le autorità di regolamentazione del governo, solo poco più di 45.000 dei 3,5 milioni di abitanti dell’Uruguay si sono registrati. Poiché le vendite di cannabis ricreativa non hanno portato profitti significativi per le aziende coinvolte, le aziende uruguaiane che producono cannabis medica come Fotmer, mirano a dare forma a un’industria globale in rapida crescita.

Repubblica Ceca

La Repubblica Ceca ha alcuni dei maggiori consumatori di cannabis in Europa, secondo un rapporto europeo sulla droga del 2014. Sono stati sulla strada per una significativa riforma della cannabis dal 1993 e hanno legalizzato la marijuana medicinale nel 2013.

Tuttavia, circa 20mila pazienti idonei al trattamento con cannabis notoriamente hanno ancora difficoltà ad accedere alla cannabis anche con le credenziali adeguate. Alcuni sostenitori e testimonianze dimostrano il sollievo che la marijuana dà ai pazienti dai sintomi debilitanti di malattie, come la sclerosi multipla e il cancro, dove i trattamenti medici più convenzionali falliscono.

Nonostante gli sforzi della Repubblica Ceca per legalizzare la cannabis, i pazienti e gli esperti medici hanno accusato il Ministero della Salute di bloccare deliberatamente l’accesso alla marijuana anche per motivi medici. Il ministero è noto per essersi opposto con veemenza alla legalizzazione della cannabis.

Canada

Le porte dei vasi di miele in Canada non sembrano mai chiudersi a sufficienza poiché flussi costanti di clienti entrano ed escono da alcuni dei dispensari di marijuana più trafficati del paese. La legislazione sulla cannabis è stata adottata. 

legalizzazione della cannabis globale

La marijuana medica è stata ampiamente disponibile in Canada ed è vista come un farmaco rispettato da quando è diventato il secondo paese a legalizzare la marijuana nel 2018.

Tuttavia, c’era tanta incertezza quanto eccitazione quando finalmente è diventato legale acquistare marijuana in Canada. Le questioni relative all’offerta hanno dominato i titoli per gran parte dell’anno. Un anno di marijuana legalizzata non ha comunque cambiato i canadesi. Pre-legalizzazione, il 16% dei canadesi fumava erba e le cifre sono rimaste quasi le stesse un anno dopo, sebbene i tassi di utilizzo stiano aumentando nelle province con più accesso ai dispensari.

Ecuador

La legge preesistente dell’Ecuador sulla cannabis consentiva l’uso personale e alle persone di trasportare fino a 10 grammi . Tuttavia, il diritto penale completo dell’Ecuador indica anche che non sono tecnicamente inclini a legalizzare la cannabis per attività, come la coltivazione o la vendita.

Secondo la Federazione medica ecuadoriana, l’uso della marijuana è utile come antidolorifico per innumerevoli malattie incurabili come il cancro, in particolare i pazienti che si trovano nelle fasi terminali di questa malattia. I derivati ​​della cannabis vengono utilizzati per alleviare il dolore che non può più essere trattato con la morfina.

La Federazione Medica dell’Ecuador aggiunge che studi approfonditi sulla cannabis e su tutti gli altri derivati ​​dovrebbero essere condotti localmente per vedere per quali malattie useranno la marijuana e devono rientrare in una prescrizione medica privata per servire la regola secondaria.

Paesi Bassi

legalizzazione della cannabis globale

La città di Amsterdam è ben nota per le sue biciclette, i canali idilliaci e il caffè hash. A differenza di qualsiasi altro paese dell’UE, la cannabis ricreativa nei Paesi Bassi è tollerata. Puoi trovare cannabis in quasi ogni angolo di Amsterdam, anche se è meno conveniente farlo in altre città.

I negozi di cannabis possono avere i permessi per vendere in piccole quantità, ma non possono coltivarla o immagazzinare più di 500 grammi in loco, né possono promuoverla. Le politiche riguardanti la produzione o la vendita di cannabis sono ancora dure poiché la polizia sta fermando molto qualsiasi produzione o transazione, rendendone più difficile l’accesso.

Germania

Tra i nuovi paesi europei a legalizzare la cannabis, la Germania è uno che ha avuto un voto unanime per legalizzare la cannabis ed è diventato un leader mondiale sulla marijuana.

Il parlamento tedesco ha legalizzato la produzione, la vendita e l’uso della marijuana medica. Avviato nel marzo del 2017, i medici sono stati in grado di prescrivere farmaci a base di cannabis per il trattamento di condizioni mediche gravi. Ma a differenza dei Paesi Bassi, dove le persone possono fumare a casa o nei cannabis club autorizzati o anche per strada, l’uso ricreativo rimane illegale.

Altri paesi europei come Romania, Francia, Italia, Macedonia del Nord, Spagna, Portogallo, Polonia, Slovenia e Turchia si sono uniti negli sforzi per legalizzare la cannabis come facilitare l’accesso all’olio di cannabis per scopi medici, sebbene ci siano molti più progressi da fare. realizzato in termini di promozione legale nonché per l’ottimizzazione dei costi. In alcuni di questi paesi, l’acquisto di olio di cannabis dalle normali farmacie può costare una fortuna.

Mentre sempre più paesi contemplano la legalizzazione della cannabis, molti stanno osservando attentamente gli stati con cannabis legalizzata per i loro successi e fallimenti. E mentre è diffusa la convinzione che la marijuana sia per lo più benefica, c’è anche una mancanza di conoscenza scientifica sui suoi effetti salutari. Alcuni potrebbero credere che legalizzare la marijuana potrebbe aiutare ad approfondire la nostra comprensione di ciò che può fare; tuttavia, le prove scientifiche dell’impatto di queste politiche sono per lo più ritenute inconcludenti.

Via Soft Secrets US

Leggi altri articoli di Soft Secrets Italia sulla legalizzazione
AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.