Come combattere i parassiti delle piante di cannabis in modo naturale?

parassiti piante di cannabis

I parassiti delle piante di cannabis sono fastidiosi. Proprio come per qualsiasi raccolto, la cannabis può spesso trovarsi in balia di insetti famelici, i quali possono arrecare numerosi problemi. Alcune fastidiose creature possono mettere un freno alla gioia sul buon esito del raccolto di cannabis. Ecco perché è raccomandato un frequente controllo dei parassiti delle piante di cannabis. Che tu stia coltivando outdoor o indoor, identificare il nemico è il primo passo per proteggere la tua pianta. La prevenzione, in realtà, è il modo più semplice per proteggere le colture da infezioni e infestazioni. Una parte significativa del mantenimento dei parassiti delle piante di cannabis ha a che fare con installazione e manutenzione molto prima che il raccolto abbia raggiunto la fase di fioritura. Dai bruchi agli acari, questo articolo vuole fare chiarezza sui  predatori che attaccano la cannabis, quali sono i rispettivi segnali rivelatori di presenza e come rimuoverli al meglio.

Gli 8 parassiti delle piante di cannabis più comuni: suggerimenti per il controllo dei parassiti delle piante di cannabis

 

1. Formiche

parassiti piante di cannabis
Le formiche rappresentano cattive notizie per ogni coltivatore di cannabis. Sono una specie di parassiti ingannevoli in quanto non danneggiano direttamente la pianta, ma indicano che altri predatori naturali stanno invadendo il tuo raccolto. Quindi, quando vedi le formiche sulla tua pianta, indaga per comprendere se i tuoi problemi siano molto più grandi rispetto alla presenza di queste creature.

Sintomi
Le formiche sono solitamente attratte dalle piante di cannabis a causa della melata prodotta da afidi e mosche bianche. Mentre si nutrono della melata della pianta per i nutrienti, le formiche proteggono gli afidi, permettendo alla colonia di moltiplicarsi. Inoltre, le formiche usano un modo specifico per scavare gallerie, che possono danneggiare il sistema radicale e bloccare la fonte di circolazione dell’acqua e delle sostanze nutritive tra le radici.
Trattamento
La cannella è nota per essere uno degli sterminatori di formiche più innocui, poiché gli insetti vengono respinti dall’odore e ne vengono uccisi. I coltivatori possono entrambi cospargere la cannella sui nidi di formica o aggiungere la spezia mentre si innaffia il raccolto. Un altro modo utile per sbarazzarsi delle formiche è applicare la farina di mais nei punti di entrata dei formicai. Gli invasori cercheranno di mangiare la farina di mais e finiranno morti perché non possono digerirla. Inoltre, le formiche morte sono benefiche per il suolo a causa dell’aerazione che mettono nel terreno.

2. Afidi 
Minuscoli ma estremamente distruttivi, gli Afidi sono uno dei parassiti delle piante di cannabis più fastidiosi per molti coltivatori. Questi vandali appena visibili, lunghi 1-10 mm, sono generalmente di colore verde, ma possono anche essere bianchi, neri o rossi.

parassiti piante di cannabis

Sintomi
A causa delle loro dimensioni microscopiche, gli afidi sono molto difficili da vedere. In genere si fermano sul lato inferiore delle foglie, inglobando i nutrienti e riproducendosi allo stesso tempo. Fanno arricciare le foglie di cannabis rendendole gialle. Un altro segno rivelatore di afidi è rappresentato dalla presenza di formiche.

Trattamento
Mentre in un ambiente controllato come nelle coltivazioni indoor, gli afidi possono distruggere l’intero processo di crescita, in outdoor ci sono diversi predatori naturali che puoi usare per i tuoi controlli dei parassiti delle piante. Le coccinelle adorano assolutamente nutrirsi di afidi: introducendo queste fortunose creature colorate nel tuo giardino in crescita, incoraggerai gli intrusi a stare alla larga. Un’altra soluzione che i coltivatori possono provare è la miscela di olio d’aglio. Prima di tutto, elimina le foglie danneggiate o fortemente infestate dagli afidi, tenendole lontane dalle piante sane. Quindi, è consigliata l’applicazione della miscela di olio d’aglio o una soluzione di aceto e acqua, che gli afidi non tollerano.

3. Uccelli
Quando si tratta di uccelli, sono un’arma a doppio taglio in quanto sono entrambi parassiti delle piante di cannabis e portatori di controllo dei parassiti delle piante stesse. Gli uccelli potrebbero aiutarti a sbarazzarti degli insetti, ma sono anche noti per essere molto ghiotti di semi.

Sintomi
Gli uccelli sono facili da individuare, ma puoi anche controllare regolarmente il tuo raccolto per la scomparsa di semi o altre possibili interazioni tra pianta e volatile.

Trattamento
Idealmente, dovresti scegliere un metodo reversibile, in modo che gli uccelli possano tornare dopo che le piante sono germogliate. Una soluzione è quella di posizionare una mangiatoia per uccelli nelle vicinanze. Un altro metodo classico sarebbe quello di utilizzare spaventapasseri o oggetti luccicanti per spaventare i volatili, il che potrebbe sicuramente essere molto divertente!

4. Acari del ragno rosso
Gli acari del ragno rosso sono uno dei parassiti delle piante di cannabis più comuni. Non sono certamente divertenti per i coltivatori di cannabis e possono creare gravi danni al raccolto. Queste creature possono danneggiare la pianta succhiando preziose sostanze nutritive e clorofilla dalle foglie, uccidendo il raccolto più velocemente di quanto si possa dire la parola “ragnatela”.

Sintomi
Gli acari del ragno rosso lasciano macchie bianche sulle foglie. Potrebbero essere presenti altresì macchie nere o gialle su ambo i lati. Usa una lente d’ingrandimento per essere sicuro.

Trattamento
Poiché gli acari del ragno rosso prosperano in ambienti asciutti e si riproducono ad alte temperature, assicurati che le tue piante siano in uno spazio ben ventilato con una temperatura media inferiore ai 25 °C. Una volta individuate, le foglie danneggiate devono essere trattate spruzzando una miscela di alcool e acqua sulle aree interessate. Altri prodotti che potrebbero aiutare sono il sapone di potassio, l’olio di neem e soluzioni a base di girasole e cotone.

5. Bruchi
I bruchi si nutrono rapidamente delle piante perché hanno bisogno di vegetare per formare la loro crisalide. Il controllo parassitario delle piante di cannabis è facile in questo caso, poiché i bruchi sono facilmente rilevabili.

Sintomi
Controllare nelle piante la presenza di piccoli segni di denti, uova traslucide o gialle e escrementi neri sulle foglie.

Trattamento
Fortunatamente, i bruchi possono essere facilmente individuati e rimossi a mano. Soluzioni alternative sarebbero l’applicazione dell’insetticida con soluzioni con aglio e pepe.

6. Mosche bianche 
Questi ospiti non invitati di solito risiedono sul lato inferiore delle foglie e si nutrono della materia vegetale. Sono piccoli insetti alati e rappresentano un vero problema per i coltivatori di cannabis a causa del loro alto potenziale di diffusione di malattie.

Sintomi
Uno dei segni dell’infestazione della mosca bianca è la presenza di piccole mosche ogni volta che scuoti le piante. Un’altra prova visibile sono le foglie ingiallite con polvere bianca sul lato inferiore.
Trattamento
La cattiva notizia è che le mosche bianche sono creature piuttosto testarde e può essere doloroso liberarsene. Tuttavia, con tecniche intelligenti di gestione dei parassiti come l’introduzione di predatori naturali o la piantagione di colture repellenti, è possibile proteggere il raccolto da questi intrusi. Piantare fiori colorati aiuterà gli insetti che predano le mosche bianche. Puoi anche piantare il basilico che è un ottimo raccolto repellente o spruzzare le erbe con olio di neem o sapone di potassio.

7. Tripidi
Questo insetto veloce e minuscolo può essere un vero mal di testa per i coltivatori, specialmente se le piante provengono da talee. Poiché i tripidi sono incredibilmente veloci, è necessario agire rapidamente per impedire a questo parassita di provocare il caos.

Sintomi
I tripidi creano strisce gialle appiccicose attorno al raccolto. Questo è il segno maggiormente evidente per identificare la peste di un tripide, poiché sono destinate a rimanere attaccate ad esso. Un altro segno sono i segni d’argento sulla superficie di una pianta e le foglie fragili. 

Trattamento
La spruzzatura con olio di neem o sapone di potassio è una tecnica utile per eliminare questi parassiti dal tuo raccolto, a condizione che il processo di fioritura non sia ancora iniziato. In tal caso, potrebbe essere necessario introdurre predatori naturali, come vespe o  insetti di tipo orius (insidioso insetto floreale).

8. Minatori di foglie

Questi insetti con un nome autoesplicativo, scavano tunnel nelle foglie delle piante di cannabis dove banchettano e depongono le uova. I minatori di foglie si affezionano al tessuto vegetale e lasciano una scia minacciosa della loro distruzione.

Sintomi
I minatori di foglie lasciano lunghe tracce marroni sulle foglie di cannabis.

Trattamento
Posiziona le strisce adesive vicino al raccolto per ottenere un controllo efficace dei parassiti delle piante di cannabis e impedire ai minatori adulti di deporre più uova. Per trattare le larve, puoi rimuovere manualmente il parassita o trattare la pianta con un insetticida naturale noto come Spinosad. È fondamentale mantenere la massima attenzione quando si tratta di parassiti delle piante di cannabis: il controllo dei parassiti è garantito quando si presta attenzione e si ha un po’ di pazienza con questi invasori piccoli e gracili. In alcuni casi il processo potrebbe richiedere molto tempo, ma è essenziale affinché i coltivatori proteggano le loro colture e garantiscano il benessere della loro piantagione. Senza la presenza dei parassiti, le tue infiorescenze avranno sicuramente un sapore migliore, e sarà possibile gustare i frutti del tuo lavoro decisamente con maggior piacere.  (Via Soft Secrets US) LINK

Leggi altri articoli di Soft Secrets Italia sulla coltivazione
AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.