L'OMS ha deciso: la cannabis è medicina e invita a rimuoverla dall'elenco delle sostanze più pericolose

Ultimo aggiornamento

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha fatto appello affinché la cannabis sia inserita dagli Stati membri nella lista dei medicinali e rimossa dalle tabelle dei narcotici più pericolosi

L’ONU approvò, nel 1961, la prima lista mondiale che classificava i farmaci in base alle loro proprietà e alla loro pericolosità. In totale ci sono quattro elenchi chiamati “agende”, in cui si trovano farmaci in ordine crescente dai meno a i più pericolosi. Fu durante la Convenzione sulle droghe narcotiche, 58 anni fa, quando i presenti decisero che la cannabis doveva essere in Agenda IV, dove i farmaci con maggiori rischi per la salute si trovavano e con un valore medico nullo o molto limitato. Va ricordato che, a quel tempo, il THC non era ancora stato scoperto, che era la molecola causativa degli effetti piscoattivi della pianta.
Mezzo secolo dopo, nulla è cambiato
In oltre 50 anni si percorre molta strada nella scienza. Ma le numerose scoperte, studi, prove e ricerche che dimostrano le proprietà medicinali della cannabis, così come i suoi rischi limitati, l’inesistenza di un sovradosaggio fatale o l’assenza di effetti collaterali irreversibili, sono serviti a poco. Mentre il mondo moriva dalla voglia di fumare tabacco e bere alcolici, la cannabis cominciò a frugare nella stessa lista assieme a droghe sintetiche dalla cattiva reputazione come la cocaina e l’eroina. Sebbene, innegabilmente, la cannabis sia meno dannosa, anche se non innocua, di alcol o tabacco, i politici si sono sempre rifiutati di ammettere che la marijuana poteva essere perfettamente legale.

Chi chiede la riclassificazione
Non è la prima volta che l’OMS si è pronunciato su questo argomento. Alcuni mesi fa, hanno già avvertito che il CBD era una sostanza sicura, innocua e persino benefica per la salute, e si raccomandò che gli stati membri rivedessero le loro leggi a riguardo e regolassero l’uso di questo cannabinoide non psicoattivo. Il Comitato di esperti in materia di tossicodipendenza (ECCD), l’organismo responsabile della revisione di questo tipo di problemi, ha deciso di effettuare una revisione critica durante la 41° riunione del comitato, tenutasi a Ginevra lo scorso novembre, in cui è stata presa in considerazione la possibilità di modificare la sfera. Il controllo internazionale della cannabis, che potrebbe significare misure di controllo meno restrittive sul suo utilizzo. La risposta dell’OMS non tardò ad arrivare, e solo 3 mesi dopo l’incontro, l’organismo internazionale ha parlato. È stato il suo direttore generale, Tedros Adhanom, che in una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite (ONU), António Guterres, in data 24 gennaio, ha chiesto che la cannabis venga riqualificata.
In particolare, è stato chiesto di ritirare dalla cannabis l’ordine della tabella IV dei narcotici e metterlo tabella I, molto meno restrittiva. La Commissione sugli stupefacenti dell’ONU (CND), ha programmato di discutere la modifica dello stato della cannabis nel loro incontro annuale, che si terrà il prossimo marzo. Sebbene, a causa del ritardo nella consegna di questo rapporto, ci si aspettasse che queste raccomandazioni arrivassero a dicembre, potrebbe verificarsi un ritardo entro il 2020 e dare agli Stati membri più tempo di valutazione.
Il governo di ogni Stato, quindi, dovrà prossimamente legiferare in merito. Infatti, dalla Spagna, il Ministero della Salute ha citato nella sua risposta l’OMS, che non aveva ancora pubblicato il proprio rapporto, per dare a lungo su un possibile quadro normativo, sostenendo che “A livello globale, l’efficacia terapeutica e la sicurezza dei trattamenti per la cannabis Al momento sta studiando e non c’è ancora alcuna decisione a riguardo” e che “sarà necessario aspettare le sue conclusioni (dall’OMS) e la posizione adottata per prendere le decisioni rilevanti a livello nazionale”. Ora, sembra che i governi dovrebbero dare ulteriori spiegazioni, o almeno prendere in considerazione un regolamento, dopo che la stessa OMS ha raccomandato alle Nazioni Unite riclassificare la cannabis da usare meno restrittiva.

AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.