I volti della canapa. Il viaggio nelle storie dei malati italiani a cura di Maria Novella De Luca

Ultimo aggiornamento
I volti della canapa, è un viaggio in Italia tra le persone spesso inascoltate dallo Stato che hanno deciso di curarsi attraverso la cannabis terapeutica. La autrice fotoreporter Maria Novella De Luca ha viaggiato tra Arezzo, Firenze, Taranto, Grottaglie, Foggia, Lecce, Bologna, Roma, Siracusa, Genova e Mestre per un reporting di tante vite segnate dalla malattia e dallo scontro perpetuo con la burocrazia italiana.

I volti della canapa. Nello speciale odierno vi parliamo del libro di Maria Novella De Luca. Un importante punto di riferimento per tutti coloro che seguono da vicino l’argomento della cannabis terapeutica. La lettura fornisce importanti spunti per comprendere al meglio cosa significa la battaglia che molti malati devono affrontare in Italia contro l’assurda burocrazia su questo tema.

i volti della canapa
Foto: Maria Novella De Luca

Le storie degli intervistati parlano dei benefici che la cannabis sta portando alle loro vite segnate da gravi patologie, dando un lieve sollievo alle loro difficili condizioni. I volti della canapa è stato sviluppato attraverso un’operazione di crowdfunding.

Maria Novella De Luca, fotoreporter di origine ciociara e romana d’adozione, con un importante background professionale nella cronaca capitolina, ha realizzato questo commuovente viaggio che ci porta in molteplici, distanti quanto vicine, realtà del nostro paese sul tema della cannabis come cura di gravi patologie.
Ha rilasciato a Soft Secrets Italia la seguente intervista.

SSIT: come ci introdurresti il tuo libro “I volti della canapa”?
M.N.: Sono volti di vita quotidiana di uomini e donne che da anni utilizzano la cannabis terapeutica, sostenuti da un medico. Quindi, per cercare di dare un’idea più chiara della disomogeneità con mappatura delle varie ragioni, ho provveduto a recarmi casa per casa di questi pazienti. Ho riportato sotto forma di diario la loro esperienza, documentando famiglia per famiglia come si sono avvicinati a questo tipo di terapia e con quali metodi di utilizzo a secondo della patologia della quale soffrono. Si tratta di 15 storie di situazioni differenti corredate da quattro fotografie di loro vita quotidiana, per cercare di rendere evidente e in modo sereno l’idea delle loro condizioni.
Essendo fotoreporter ho avuto modo di raccogliere le storie a livello fotografico, contestualizzandole situazione per situazione. Ho provveduto altresì a cercare di dare una introduzione per maggiori delucidazioni a chi si avvicina all’argomento per la prima volta (dalla cannabis terapeutica a che cos’è il sistema endocannabinoide), con approfondimenti di medici, farmacisti ed esperti del settore. 

Foto: Maria Novella De Luca

SSIT: qual è stato il tuo primo approccio al tema della cannabis terapeutica?
M.N.: Per curiosità, la vera mola che mi porta a realizzare le mie storie fotografiche sul lavoro. Nel 2008 questa voglia di scoprire inizialmente era interamente dedicata alla pianta della canapa e l’appartenenza secolare della stessa alla cultura italiana. Mi incuriosì il fatto che una pianta, regalata dalla natura all’essere umano, fosse stata messa al bando e mi ponevo numerosi interrogativi, i quali spesso rimanevano fine a se stessi per via dell’illegalità della canapa stessa.
Iniziai, quindi, a cercare i primi contatti per dissolvere pian piano i miei dubbi, imbattendomi in uno studio dell’Università degli Studi della Tuscia. Tuttavia, quanto cercavo di documentare non mi stava dando la giusta soddisfazione da reporter fotografica quale sono. Avevo, quindi, necessità di un cambiamento di rotta, il quale lo trovai una volta che scoprii l’importanza dell’utilizzo terapeutico della cannabis. Ho potuto quindi sbloccare la mia volontà di raccontare la storia a livello fotografico con l’elemento umano in primo piano.

Foto: Maria Novella De Luca

SSIT: per il tuo progetto che ha portato alla stesura del libro, quali sensazioni hai provato nell’incontrare questi pazienti, per le loro battaglie contro la malattia e la burocrazia italiana?
M.N.: posso dire che, dopo aver conosciuto queste persone, con molte di queste sono nate delle bellissime amicizie, l’elemento chiave con il quale ho trovato un comune denominatore era l’indignazione. Mi sono resa conto della loro grossa battaglia che queste persone devono affrontare quotidianamente contro la loro malattia, grazie alla cannabis che migliora le loro condizioni, nonché la battaglia contro uno Stato inadempiente per aiutare queste persone nella fornitura del loro farmaco.
Sono della tesi che, oltre all’indispensabile presenza di un medico, ciascuno dovrebbe essere libero nella scelta della propria cura più adeguata, se le condizioni di vita migliorano per davvero. Non riesco tutt’ora a sopportare il fatto che una persona molto sofferente, come per le storie che ho descritto nel libro I volti della canapa, debba lottare e affrontare un vero calvario per il diritto alla cura. Ci tengo a sottolineare che, per cambiare l’opinione globale e le stesse regole, è necessaria una mobilitazione dal basso per far cambiare opinione a chi sta in alto.

Foto: Maria Novella De Luca

SSIT: Quale riscontro ha ottenuto il libro “I volti della canapa”?
Il libro è uscito a Maggio 2019 e ora che arrivati alla conclusione dell’anno, posso dire che qualche piccola soddisfazione me la sono tolta con la maggior parte dei volumi messi in commercio che sono stati acquistati. Tenendo presente quanto sia anche difficile parlare di questa tematica, in particolare per i giornali di tiratura di massa, continuo ad auspicare che questa pubblicazione possa dare una mano ulteriore per rendere le persone maggiormente coscienti dell’importanza della cannabis come terapia. Mi fa anche piacere che molte persone si sono interessate al libro con l’intento di lo regalarlo per Natale a destinatari con necessità di comprendere maggiormente l’utilizzo terapeutico della cannabis. Ho partecipato a varie conferenze per la presentazione del libro, sempre accompagnata da medici o comunque una fonte scientifica attendibile che potesse aiutare a risolvere i dubbi del pubblico in merito alla cannabis terapeutica.

Foto: Maria Novella De Luca

I volti della canapa: LINK

Prossima presentazione del 9 gennaio a Roma: LINK

Altri articoli sulla cannabis terapeutica: LINK
AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.