Cuomo (Governatore New York): "Legalizziamo marijuana per scopo ricreativo"

Negli Stati Uniti Andrew Cuomo, governatore dello Stato di New York, ha annunciato che dal prossimo anno promuoverà la legalizzazione della marijuana a scopo ricreativo. Secondo il New York Times questa mossa porterebbe nelle casse statali oltre 1,3 miliardi di dollari all’anno. La proposta è stata presentata da Cuomo a Manhattan durante un discorso sui primi cento giorni del suo terzo mandato.

Il discorso, che sembrava rivolto a un pubblico nazionale in mente, potrebbe prolungare la speculazione a fuoco lento sulle ambizioni presidenziali di Cuomo. Ha anche mostrato, con dettagli sorprendenti, l’evoluzione a sinistra del governatore nei suoi otto anni di mandato, da un centrist che si considerava una droga “gateway”, a un progressista auto-descritto che difende la marijuana ricreativa, le tasse sui ricchi e un divieto di donazioni politiche aziendali. “Il fatto è che abbiamo avuto due sistemi di giustizia criminale: uno per i ricchi e per i benestanti, e uno per tutti gli altri”, ha detto Cuomo prima di presentare la proposta di cannabis, descrivendo l’ingiustizia che ha “per troppo tempo preso di mira l’africano” -Comunità americane e minoritarie.

“Legiferiamo sull’uso adulto della marijuana ricreativa una volta per tutte”, ha aggiunto. Dieci altri stati e Washington, D.C., hanno legalizzato la marijuana ricreativa, spendendo il nuovo gettito fiscale su una serie di iniziative, tra cui scuole e trasporti. Si prevede che l’idea varrà supporto ad Albany, dove i democratici hanno conquistato il Senato dello Stato a novembre. I membri dell’Assemblea, che è dominata dai democratici di New York, hanno anch’essi sostenuto tale misura. Tradizionalmente, i governatori delineano le loro priorità per l’anno in uno stato dell’indirizzo dello Stato a gennaio. Ma il sig. Cuomo ha detto che voleva esporre i suoi piani in anticipo, in previsione della prima sessione legislativa in un decennio in cui i democratici hanno controllato entrambe le case della legislatura.
Dopo novembre, questa scusa svanisce. Cuomo ha detto anche così: “Non ci sono più scuse, amici miei. Ora è il momento di alzarsi e di guidare, e fare quello che hai detto che avresti fatto per tutti quegli anni. ” Rispetto alle altre proposte, l’idea della marijuana ha ricevuto solo una menzione passeggera, nonostante l’attenzione che ha catturato tra i politici e i newyorkesi medi. Cuomo non ha descritto come avrebbe usato le entrate fiscali che la legalizzazione potrebbe generare, o offrire dettagli su come avrebbe regolamentato un farmaco che in precedenza aveva chiarito che considerava pericoloso. Per anni ha rifiutato permettendo persino la marijuana medica, dichiarando che i suoi pericoli oscuravano i suoi benefici. Ha continuato a opporvisi nel 2013, prima di approvare un programma pilota molto limitato nel 2014. Dopo le denunce dei difensori, lo stato ha attenuato alcune di quelle restrizioni nel 2016. Ma il sig. Cuomo è rimasto cauto, ha dichiarato ai giornalisti di recente come l’anno scorso che considerava la marijuana come un “farmaco d’accesso”.

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.

AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta