Cbd ai Giochi Olimpici di Tokyo

Maria Novella De Luca
25 Jul 2021

Da soli tre giorni si sono aperti i giochi olimpici 2020 di Tokyo e insieme alle prime quattro medaglie per il nostro paese, nel taekwondo, scherma, ciclismo e judo, arriva anche un'ottima notizia sul fronte della cannabis. Infatti, come si legge sul magazine statunitense Forbes, per la prima volta in 125 anni di storia moderna delle Olimpiadi, alcuni atleti si sono aperti sul loro uso di prodotti a base di cannabis per la preparazione al più grande palcoscenico sportivo del mondo.


Da soli tre giorni si sono aperti i giochi olimpici 2020 di Tokyo e insieme alle prime quattro medaglie per il nostro paese, nel taekwondo, scherma, ciclismo e judo, arriva anche un'ottima notizia sul fronte della cannabis. 

Infatti, come si legge sul magazine statunitense Forbes, per la prima volta in 125 anni di storia moderna delle Olimpiadi, alcuni atleti si sono aperti sul loro uso di prodotti a base di cannabis per la preparazione al più grande palcoscenico sportivo del mondo. Portavoce di questa scelta è la medaglia d'oro olimpica e stella della squadra nazionale femminile di calcio degli Stati Uniti, Megan Rapinoe, che assume CBD nella sua routine di allenamento utilizzando prodotti di Mendi, un'azienda fondata da sua sorella Rachael Rapinoe e Brett Schwager. I fondatori di Mendi hanno avviato l'azienda per creare un marchio di prodotti a base di cannabidiolo (CBD) derivati ​​dalla canapa che forniscono agli atleti soluzioni naturali per esibirsi al meglio e per il recupero muscolare. E mentre Mendi ha riunito un team di atleti di alto livello come ambasciatori del marchio, l'azienda spera di raggiunger un mercato di consumatori attenti ad un approccio più naturale alla salute e al benessere.

“Crediamo davvero che ci sia un movimento e un'ondata di persone che desiderano farmaci alternativi più sani. Non vogliono ciò che di solito viene prescritto in questo paese, che si tratti di farmaci da banco, oppiacei da prescrizione, sonniferi o altri rimedi contro lo stress e l'ansia", afferma Rachael Rapinoe in un'intervista su Zoom per il magazine statunitense. "Quindi, vogliamo offrire alle persone l'opzione più salutare per rimanere più a lungo possibile all'apice delle prestazioni, rivolgendosi soprattutto agli atleti".  

Oltre a Megan Rapinoe, la squadra di atleti ambasciatori di Mendi in partenza per le Olimpiadi di Tokyo questa settimana, include l'ostacolista Devon Allen, l'outfielder di softball Hayley McCleney e la campionessa WNBA e quattro volte medaglia d'oro olimpica Sue Bird, fidanzata con Megan e portabandiera alla cerimonia di apertura olimpica di venerdì.

Ma mentre gli atleti hanno utilizzato il CBD prima della competizione, non porteranno in Giappone le caramelle gommose e i bastoncini topici su cui avevano fatto affidamento per alleviare lo stress e la tensione della competizione. Considerato il contesto normativo che rende rischioso l'assunzione di prodotti a base di cannabis (inclusa la canapa) attraverso i confini internazionali e le rigide leggi anti-cannabis del Giappone, è più sicuro lasciare a casa il regime di CBD. È un punto che Rachael chiarisce durante l'intervista rilasciata a Forbes.  

"Sebbene la cannabis sia sulla scena mondiale per la prima volta in assoluto, non stiamo dicendo che sia lì a Tokyo", sottolinea. "Quello che stiamo dicendo è che siamo stati presenti nel viaggio di preparazione di questi atleti verso il palcoscenico più grande del mondo, che hanno utilizzato i nostri prodotti ogni giorno negli ultimi anni, e li hanno aiutati a stare meglio nel recupero: ' Ogni volta che dormi meglio la notte, ogni volta che ti riprendi meglio dall'ultima serie di esercizi, le tue prestazioni saranno migliori".

Cambiare le opinioni su cannabis e sport

L'Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha rimosso il CBD (ma non altri cannabinoidi) dall' elenco delle sostanze proibite nel settembre 2017 ma la modifica è stata efficace solo dal 1 gennaio 2018. Questo ha ulteriormente ridotto il rischio percepito dell'uso del CBD per molti atleti. Il THC, tuttavia, rimane nell'elenco delle sostanze vietate, come tutti sappiamo bene dalla notizia della sospensione e la squalifica dai Giochi di Tokyo della velocista e aspirante olimpionica Sha'Carri Richardson, tra le favorite per l’oro nella prova regina dell’atletica. L'atleta è risultata, infatti, positiva al Thc. 

Rachael continua spiegando che durante il suo incarico come giocatrice di calcio professionista, le sono state spesso prescritte potenti droghe, inclusi oppiacei, per aiutarla a gestire il dolore delle numerose ferite che aveva subito. Sfortunatamente, non erano disponibili rimedi naturali efficaci, un fatto che non le piaceva. "Vengo da una lunga storia di tossicodipendenza nella mia famiglia, in particolare eroina e oppiacei", si legge dall'intervista su Forbes rilasciata al giornalista A.J. Herrington, "quindi, ho un difficile rapporto emotivo con la droga". Con il cambiamento nella politica della WADA che consente agli atleti di sfruttare i benefici del cannabidiolo, Megan afferma di aver utilizzato una varietà di formulazioni di CBD che l'aiutano a rimanere al top del suo gioco. “Il CBD è diventato parte del mio sistema di recupero tutto naturale che utilizzo durante il giorno per alleviare il dolore e l'infiammazione, stabilizzare il mio umore e dormire meglio. Invece di prendere Advil o altri farmaci per la gestione del dolore, ho sostituito quasi esclusivamente con prodotti Mendi CBD. Li uso subito dopo l'allenamento, inserisco una capsula gommosa o gel per il dolore e per calmarmi, poi un'altra gomma nel pomeriggio per rilassarmi, poi la tintura notturna poco prima di andare a letto per dormire meglio. Fa davvero parte della mia intera giornata". Megan afferma che oltre ad alleviare i suoi disturbi fisici, le caramelle gommose al CBD che assume quotidianamente aiutano il suo umore e la sua salute mentale. "È il mio punto di riferimento per calmarmi dopo un duro allenamento o una partita, così come per dormire", spiega. "Ho notato una differenza significativa nei miei livelli di stress e ansia quando uso costantemente i prodotti Mendi CBD rispetto a quando non li uso".

Il THC dovrebbe andare bene anche per gli atleti?

"Sha'Carri Richardson, sfortunatamente, voleva usare un'alternativa più sana per gestire lo stress che stava attraversando la sua vita, ed è stata bandita dalle Olimpiadi di quest'anno", dice Rachael. "Ogni atleta dovrebbe avere lo stesso accesso di tutti gli altri americani per affrontare lo stress della vita", osservando che "le politiche esistenti non funzionano". Megan è d'accordo, dicendo che marijuana, THC e tutti i cannabinoidi disponibili al pubblico in molte giurisdizioni dovrebbero essere disponibili anche per gli atleti. "Ci si aspetta che ci esibiamo sui palchi più grandi e ai livelli più alti, ma non possiamo usare prodotti completamente naturali per aiutarci a recuperare", scrive.

"Non è giusto, e queste politiche devono essere cambiate per riflettere dove si trova la nostra cultura".

 

 

M
Maria Novella De Luca