Bufale senza mozzarelle

Bufale senza mozzarelle

Questo articolo vuole far ridere. Spero realmente faccia sghignazzare come capita a me ogni volta che incontro una notizia del genere: le bufale sulla marijuana! Per fortuna, a noi appassionati di cannabis in Italia, il giornalismo regala perle di ignoranza al limite del surreale, purtroppo una gran parte della popolazione legge e crede, come se le parole del giornalista di turno fossero dogmi. Ho deciso di selezionare le bufale più simpatiche e le ho volute riportare per riderci sopra, nonostante sia decisamente triste constatare che anche il “giornalismo istituzionale” ceda sempre più spesso al clickbait e pubblichi tali castronerie. Dietro ad ogni bufala infatti v’è la tristezza di un disegno proibizionista, qualcuno evidentemente paga sti giornalisti per scrivere bufale o comunque continua a pagarli dopo aver pubblicato i loro articoli inventati. E come spesso capita qualcuno legge e ci crede, purtroppo. Ma suvvia ridiamoci sopra, un giorno saranno raccontate come battute da cabaret.

Nuova droga: la cannabis OGM arriva sul mercato. Allarme per i giovani, la cannabis OGM è x volte più potente.

A parte il fatto che passo la giornata fumando con gente di tutte le età, se realmente esistesse una cannabis geneticamente modificata dovrebbero avvertire giovani, adulti e anziani. Posso capire le politiche per agevolare i giovani, ma favorire l’eliminazione dei concorrenti più adulti in maniera così subdola… Che dire degli OGM. La canapa OGM ancora non esiste, non vi è interesse per ora nel voler introdurre geni di altri organismi viventi nel genoma della cannabis. La canapa è più potente di quella fumata dai nostri genitori negli anni settanta? Certamente, ma nessun laboratorio ha mai speso centinaia di migliaia di euro per creare un OGM più potente. Il metodo utilizzato è quello della selezione massale, significa scegliere tra tanti esemplari i genitori considerati migliori ed incrociarli tra loro, in seguito si esamina la prole e ancora si scelgono gli individui migliori. Così facendo negli ultimi 50anni è cambiata radicalmente la cannabis, senza OGM però, che ad oggi costano e per il breeding cannabico non servono.
Bufale senza mozzarelle

Utilizzano tende per oscurare il giorno e luci per allungare la notte così che coltivano nella metà del tempo. Inoltre le luci mantengono caldo l’ambiente e favoriscono una crescita più rapida delle piante.

Anche mia nonna utilizza tende per oscurare il giorno quando il sole batte d’estate e ovviamente utilizza luci per vederci dopo il tramonto. Non so cosa intendesse il giornalista per coltivare nella metà del tempo, vien da sé che coltivare indoor permette di gestire totalmente il clima ma non capisco esattamente come fa questo figlio dell’editoria a ridurre le settimane di fioritura della metà. Forse utilizza le centraline Dimlux e coltiva a 10/10? In attesa di risposta accendo una HPS per scaldarmi perché quest’anno i caloriferi sono passati di moda.

Legalizzare la cannabis per ridurne il consumo è come legalizzare le rapine per ridurle, inutile!

Che esempio di logica inattaccabile. Vorrei approfondire le motivazioni sul perché uno rapina una banca e perché un ragazzo fuma un cannone, ma sembrano avere socialmente lo stesso impatto. D’altronde un cannone può sparare ed uccidere come una pistola: lo dicono le parole!

Nuova droga in arrivo nelle piazze! Già sequestrate ingenti quantità di Amnesia, la nuova cannabis trattata con eroina/metadone/solventi.

Una ventata di freschezza nelle nostre piazze! Da domani i narcotrafficanti, sempre in prima linea per la salute del cittadino, hanno deciso di rimpiazzare la solita erba con una nuova droga: l’Amnesia, un mix di cannabis e gocce di metadone o eroina o dio scelga la sostanza, finalmente disponibile per chi dell’erba di sempre s’è annoiato. Fortuna che ci sono i narcos, non avrei saputo che fare questo sabato sera con le solite canne, avrei proprio voluto provare qualcosa di nuovo… se solo non fosse che l’amnesia nuova non è, saranno almeno 5 anni che vince coppe qua e là. A me questi narcos stufi di guadagnare dall’erba pura, che decidono improvvisamente di ridurre i loro guadagni aggiungendo sostanze ben più care e penalmente rilevanti fanno venire in mente tanti ani fa, quando ero adolescente e mamma mi diceva di stare attento a chi mi voleva regalare la droga in discoteca ed io rispondevo “mamma magari!”.
Non sarà che Peppino l’appuntato ha messo nella stessa bustina tutte le droghe sequestrate e poi in laboratorio hanno trovato tracce di tutto su tutto? Avranno anche trovato tracce di caffè e ciambelle o il commissario Winchester quella sera non lavorava?

Per conquistare il palato dei più giovani esistono varietà per tutti i gusti, alla frutta, ai fiori e anche al formaggio.

Questa poi è degna di google translate. Tutti conosciamo la varietà denominata Cheese, dall’inglese formaggio. Se però ci soffermiamo a pensare al sapore tipico del latticino, quale Cheese sa di formaggio? Nessuna! La Cheese pura (quella portata alla ribalta dalla comunità Exodus nell’anno 1995) è un fenotipo di Skunk dall’odore molto intenso che nulla ha di formaggio. Se il nostro amico giornalista, oramai in lacrime per aver capito d’aver sbagliato tutto nella vita, volesse informarsi troverebbe la spiegazione on-line: in inglese un odore appestante è “cheesy” (formaggioso), perché appesta come l’odore del formaggio ma non per forza deve sapere di prodotti caseari. Già che ci siamo è quasi ora di pranzo, se porto il pane qualcuno mi porta del formaggio al sapore di Exodus Cheese? Ho del vino molto buon che sa di Grape!
Bufale senza mozzarelle

Intossicati sei giovani di qua e sette di là per aver consumato cannabis e derivati. Giovani in ospedale con psicosi per colpa della cannabis.

La cannabis, come d’altronde tutte le sostanze psicotrope può dar luogo a fenomeni di psicosi. Provate voi a togliere le macchinette del caffè da un ufficio postale: stiamo a vedere la selezione naturale cosa combina? Nel caso dei giovani intossicati per aver consumato cannabis e derivati basterebbe approfondire di più e si scoprirebbe (no caro giornalista non ti pagano di più per approfondire, ti verrà eretta la statua come martire del lavoro ma solo postuma) che i nostri giovani psiconauti non hanno assunto cannabis bensì delle sostanze di sintesi che agiscono sui medesimi recettori del THC. Come? Cos’è il THC? Dev’essere un codice segreto, chiedi a google translate.

Produrre marijuana non è ecosostenibile, quindi andrebbe punita più severamente la coltivazione.

Non ho mai visto nessuno prendersi così tanto a cuore il pianeta proibendo la coltivazione di una pianta, che se fosse legale potrebbe venir coltivata al sole davanti agli occhi di tutti e risanerebbe i suoli. Chiedete a qualsiasi coltivatore di canapa industriale, vi potrà confermare l’azione rigeneratrice e ristrutturante della canapa. Chiaramente se vogliamo continuare a mantenerla illegale dovremo sì dar ragione al giornalista di turno difensore dell’ambiente perché riempire capannoni di luci ad alto wattaggio e vasi di plastica non è chiaramente ecosostenibile. È un circolo vizioso, finché la coltivazione è illegale vi saranno grandi coltivazioni nascoste in bunker alimentati da energia elettrica: quando diverrà legale vi saranno i campi a cielo aperto e il prezzo inevitabilmente crollerà smettendo di far gola ai grandi produttori illegali e smettendo quindi di consumare energia elettrica al posto di utilizzare il sole.

Nuova droga in auge tra i giovani, il THC!

Questo titolo si commenta da solo, il THC a cui si riferisce il nostro discepolo di Gutenberg altro non è signore e signori che uno dei principi attivi presenti nella cannabis. Sarebbe come voler proibire il vino perché da oggi è commercializzato con aggiunta di etanolo o addirittura proibire il pane perché presenta tracce di farina. Per conoscenza sono circa cento i differenti cannabinoidi classificati sinora, spero tanto non comincino con allarme CBD, allarme CBN, allarme CBC e via dicendo con tutti gli altri… Non so se ho abbastanza tempo per leggerle tutte. Di certo il nostro amico giornalista avrebbe potuto scrivere su google THC e troverebbe come primo risultato “Il delta-9-tetraidrocannabinolo (detto comunemente THC, delta-9-THC o tetraidrocannabinolo) è uno dei maggiori e più noti principi attivi della cannabis…”. Viene il sospetto non sia proprio involontaria questa leggerezza, o mi sbaglio?
Bufale senza mozzarelle

La coltivazione casalinga nuoce alle famiglie, i giovani vogliono imitare e provare ciò che vedono in casa.

La coltivazione casalinga nuoce alle narcomafie, che vedrebbero calare i loro profitti dallo spaccio della cannabis e dell’hashish. La coltivazione casalinga nuoce agli spacciatori di piazza, che vivono di espedienti come la vendita delle cannette nel parco. La coltivazione casalinga nuoce alle forze dell’ordine che non avrebbero più minorenni da rincorrere e riportare ammoniti ai loro genitori. Quest’ultima mi fa venire in mente quella notizia di tanto tempo fa in cui si raccontava di questi ragazzetti adolescenti fermati con poche canne addosso e portati in questura: fece notizia la reazione dei genitori che testualmente dissero “ma non avete niente di meglio da fare che portare in questura dei ragazzetti con pochi grammi d’erba?”. Probabilmente no aggiungo io, che tristezza!
Di bufale come queste ve ne sono tutti i giorni su tutti i media mondiali. Purtroppo una notizia veritiera sulla cannabis (che non sia di parte) ancora non l’ho trovata sui mezzi di comunicazione di massa. Sicuramente gli editori farebbero una figura migliore a lasciare agli esperti e non agli opinionisti il compito di descrivere il fenomeno, ma probabilmente fa comodo così e allora noi altri ridiamoci sopra e andiamo avanti per la nostra: sicuramente tanti anni fa ridevano dietro a chi vinificava con tecniche moderne ed oggi abbiamo i corsi universitari di enologia (ah! Per inciso, l’alcool etilico fa male o fa bene?).
Buone fioriture a tutti!
Di CBG

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.

AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta