Tutti a Bologna per la Vª edizione dell’Indica Sativa Trade!

Tutti a Bologna per la Vª edizione dell’Indica Sativa Trade!

Per il quinto anno consecutivo la fiera Indica Sativa Trade torna a far parlare di sé con lo staff di Soft Secrets sempre al suo fianco. Dopo gli esordi in terra marchigiana gli organizzatori hanno preso la decisione di spostarsi a Bologna dove, per motivi logistici e per l’affluenza del pubblico, l’evento si è consolidato diventando uno dei principali avvenimenti dell’industria della cannabis nostrana. Soft Secrets per il quinto anno torna a sponsorizzare questa tre giorni ed insieme a Yuri e Sandro vi annuncia cosa bolle in pentola….

SSIT: Ragazzi siamo al quinto giro di boa: che interesse riscontrate, chi viene alla fiera e cosa possiamo prevedere?

La fiera della canapa riscuote crescente interesse degli espositori e del pubblico. Per i primi è il luogo dove incontrarsi, concludere accordi, presentare nuovi prodotti-progetti e promuovere la propria attività. C’è molto interesse da parte dei grandi marchi del grow e delle principali banche semi che in fiera riescono contemporaneamente ad incontrare i propri distributori, i rivenditori e gli utenti finali. Poi ci sono le realtà nascenti, oppure marchi già affermati in altre nazioni che cercano visibilità nel mercato italiano. Discorso a parte va fatto per il settore industriale: per molti operatori, soprattutto quelli legati al drink & food, la fiera oltre che promozione del proprio marchio/prodotto rappresenta un’occasione di fare business. Le fiere della canapa attraggono sempre più un pubblico numeroso ed eterogeneo, dal grower professionista che viene in fiera per fare acquisti o per vedere le ultime novità, fino al curioso che vuol sapere di cosa si tratta. I visitatori sono persone di ogni età, estrazione sociale, sesso.

Tutti a Bologna per la Vª edizione dell’Indica Sativa Trade!
Foto di Maria Novella De Luca

Come avete visto evolversi il nostro mondo?

In questi anni il mercato italiano è cresciuto tanto ed abbiamo assistito alla comparsa di nuove figure: sono nati nuovi distributori, giornali, negozi, produttori ecc. Alla prima edizione, a Fermo, abbiamo conosciuto visitatori che si avvicinavano per la prima volta a questo mondo ed oggi ce li ritroviamo espositori a Indica Sativa. La fiera è stata stimolo, testimone e vetrina della loro crescita. Anche fiere e manifestazioni varie legate alla canapa stanno proliferando. Quando organizzammo la prima edizione di Indica Sativa, in Italia c’era l’esigenza di riportare una manifestazione in grado di dare visibilità a tutto il settore. Oggi la situazione è molto cambiata.

Cosa preparate per quest’anno?

Innanzitutto abbiamo riconfermato la location: l’Unipol Arena, sede dei principali eventi indoor italiani. La struttura è stata ammodernata lo scorso autunno e quest’anno presenta nuovi spazi interni ed esterni. Questo ci ha consentito di creare una nuova area musica all’esterno, molto più comoda perché permette di alzare il volume e la quantità dei live-set senza disturbare l’area espositiva. A tal proposito ricordiamo che sabato pomeriggio è previsto un live-set con la speciale partecipazione di Mama Marjas.
Altra novità è la creazione di uno spazio dedicato a tutti coloro che visiteranno la fiera con al seguito bambini piccoli: abbiamo deciso di destinare spazio e budget per l’allestimento di un’area giochi, attrezzata e sorvegliata da animatori, in maniera che espositori e visitatori che hanno al seguito i propri piccoli possano tranquillamente visitare la fiera mentre i loro bambini si divertono.

Tutti a Bologna per la Vª edizione dell’Indica Sativa Trade!
Foto di Maria Novella De Luca

Quali saranno gli ospiti nei tre giorni di conferenze?

Ad oggi (fine marzo) non siamo in grado di annunciare l’elenco definitivo degli ospiti delle conferenze. Il programma delle iniziative è ancora un cantiere aperto, ci saranno presentazioni di libri, corsi, conferenze e dibattiti. Stiamo lavorando con l’associazione Ascia e Cip per organizzare, anche quest’anno, l’oramai tradizionale incontro con i politici (parlamentari e non) che stanno portando avanti le proposte di legge sulla regolamentazione della coltivazione e consumo della canapa in maniera da fare il punto sulla situazione. Hanno già confermato la propria partecipazione Rita Bernardini, i Senatori Airola e Della Vedova e gli Onorevoli Ferraresi, Farina e Zaccagnini. Tutte le anticipazioni e in seguito il programma definitivo delle iniziative sul sito www.indicasativatrade.com e sulla pagina Facebook dell’evento.

Cosa ne pensate della situazione italiana alla luce dei cambiamenti internazionali in merito al tema cannabis?

Sicuramente i cambiamenti avvenuti a livello internazionale smuoveranno la situazione anche in paesi come l’Italia, dove i pregiudizi sulla cannabis sono molto radicati. Sembra manchi veramente poco per arrivare ad una legge che regolamenti l’autoproduzione e il consumo ma in Italia non è la prima volta che si ha la sensazione di essere molto vicini e poi di colpo si fa un gran balzo indietro. Molto probabilmente le proposte di legge attualmente in discussione per essere approvate avranno bisogno di essere “edulcorate”. La speranza è che il lavoro dei tanti attivisti che da anni si battono per una “seria” regolamentazione della produzione e del consumo della cannabis possa dare a breve i suoi frutti.
Lettori di Soft Secrets adunata ed appuntamento a Bologna i prossimi 12, 13 e 14 Maggio!
di Carlos Rafael Esposito

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.

AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta