L’ABC-sull’acqua
L'acqua fa parte dell’essere umano e di tutti gli esseri viventi. L'acqua muove i fluidi che sostengono la vita di piante e animali.
L'acqua (H2O) esiste allo stato liquido, gassoso e solido. Quando è pura, l'acqua è insapore e inodore. La luce riflessa le conferisce spesso un aspetto blu, soprattutto se concentrata nei ghiacciai. Molte sostanze, compresi i sali fertilizzanti, si sciolgono facilmente nell’acqua, che è nota come solvente universale. La maggior parte delle fonti d'acqua di rado è pura. Le impurità nell'acqua sono “invisibili” una volta disciolte e parte della soluzione.

Stabilite la qualità dell’acqua di base misurandone alcalinità, pH e solidi totali disciolti (TDS). L’alcalinità, la capacità di neutralizzare o tamponare una soluzione acida, influenza il pH, l’equilibrio acido-alcalino dell’acqua. Due minerali o solidi disciolti, calcio (Ca) e magnesio (Mg), tamponano il pH in modo che l’aggiunta di sali minerali acidi o fertilizzanti non incida in modo significativo sul pH. L’acqua pura e quasi pura che contiene pochi o nessun minerale disciolto è considerata dolce perché ha una capacità tampone ridotta o nulla. Il pH dell’acqua dolce (vedi sotto) può oscillare in modo estremo quando vengono aggiunti sali fertilizzanti acidi.

lavati-e-mani
L’acqua dolce favorisce la schiuma del sapone.

Acqua dura

L’acqua dura contiene quantità significative di minerali disciolti. Le concentrazioni di calcio (Ca) e magnesio (Mg) sono spesso utilizzate come indicatore di quanto sia “dura” l’acqua. Quando vengono riscaldati, i carbonati (formati dalla reazione della CO2 con delle basi) precipitano nell’acqua dura (si depositano), formando delle incrostazioni nelle tubature idrauliche, nei soffioni delle docce e così via. I saponi non formano molta schiuma nell’acqua dura perché reagisce formando sali di calcio o magnesio, che sono insolubili. L’acqua contenente da 100 a 150 milligrammi di carbonato di calcio (CaCO3) per litro (mg/l) è accettabile per coltivare la cannabis. Ciononostante, l’acqua può contenere 400 ppm di sodio ed essere comunque dolce, ma circa 60-120 ppm di Ca la rende dura (a seconda della scala utilizzata). Per maggiori informazioni sull’acqua dura, cercate “acqua dura” nel forum www.marijuanagrowing.com.

acqua
Questo semplice filtro elimina particelle e cloro dall’acqua della rete idrica.

 

Acqua dolce

L’acqua addolcita viene spesso trattata con sodio, che si lega agli ioni di calcio e magnesio, prevenendo la formazione d’incrostazioni o l’interferenza con i detergenti. In Spagna, l’acqua è dura; si mette sodio (sale granulare) nella lavastoviglie in modo che non si formino macchie (incrostazioni) sui piatti. Si sente il sapore del sodio nell’acqua addolcita. Gli addolcitori d’acqua vengono utilizzati per allungare la vita delle tubature idrauliche, delle pompe e così via e per aumentare l’efficacia dei saponi. L’acqua dolce contiene meno di 50 milligrammi di calcio per litro (50 ppm) e dovrebbe essere integrata con calcio e magnesio. Il sodio presente oltre le 50 ppm è dannoso per la coltivazione della cannabis. Gli ioni sodio prendono il posto della sostanza chimica a cui è legato il sodio, estraendo tutti gli ioni multivalenti (Ca2-, Mg2-) con un numero simile di cariche monovalenti (Na-): ogni Ca che si lega rilascia due ioni di Na a causa della differenza di carica, con un meccanismo due per uno (in ppm, 100 ppm di Ca eliminato permettono di avere in cambio 200 ppm di Na).
Un’alternativa migliore è spesso il potassio, ma è un po’ più costoso. Sia il potassio che il sodio sono presenti come resina utilizzata negli addolcitori d’acqua ed entrambi sono ioni monovalenti: potassio (K-) e sodio (Na). Il potassio è una soluzione migliore per la cannabis e per l’essere umano. Il sodio è economico e ampiamente disponibile, ma il potassio è più efficace.

L’ABC-sull’acqua
Questo semplice filtro elimina particelle e cloro dall’acqua della rete idrica.

Il sistema metrico agevola la misurazione del “residuo secco per litro”. Misurate il residuo secco per litro versando un litro di acqua su un vassoio e lasciandolo evaporare. Il residuo di solidi disciolti che rimane dopo l’evaporazione di tutta l’acqua è il “residuo secco per litro”. Il residuo è misurato in grammi. Provate a farlo a casa per stabilire l’entità delle impurità presenti nella vostra acqua. I fertilizzanti hanno difficoltà a penetrare nel tessuto radicale quando devono competere con i solidi disciolti residenti, in particolare il sodio. L’acqua caricata con elevati livelli di solidi disciolti (sali in soluzione) può essere gestita ma richiede strategie diverse. L’acqua altamente salina che contiene sodio bloccherà l’assorbimento di potassio, calcio e magnesio. L’acqua carica di sale causerà sempre problemi. Se l’acqua contiene 300 ppm o meno solidi disciolti, fate defluire almeno il 25 percento dell’acqua d’irrigazione dal fondo dei contenitori ogni volta che annaffiate. Se l’acqua grezza contiene più di 300 ppm di solidi disciolti, utilizzare un dispositivo a osmosi inversa per purificare l’acqua. Aggiungete dei nutrienti all’acqua pura per evitare molti problemi nutrizionali.
Se l’acqua grezza contiene più di 300 ppm di solidi disciolti o più di 50 ppm di sodio (Na), utilizzate un dispositivo a osmosi inversa per purificare l’acqua prima di utilizzarla nella vostra coltivazione.
I sali fertilizzanti disciolti accumulati spesso diventano tossici nelle coltivazioni in contenitori. La presenza eccessiva di sali inibisce la germinazione dei semi, brucia i pilucchi radicali e le punte o i bordi delle foglie e rallenta la crescita delle piante. Eliminate l’accumulo di sale in eccesso dai substrati applicando 3 litri di acqua per litro di substrato e ripetere la lisciviazione usando una soluzione fertilizzante dolce a pH corretto. Lisciviate il terreno di coltura ogni 2-4 settimane per evitare l’accumulo tossico. L’acqua dura e l’acqua di pozzo nei climi secchi sono spesso alcaline e in genere contengono notevoli quantità di calcio e magnesio. La cannabis utilizza grandi quantità di entrambi i nutrienti, ma possono accumularsi troppo calcio e magnesio nel terreno. In generale, l’acqua che ha un buon sapore per gli esseri umani ha anche un buon sapore per la cannabis.
soffione-doccia
Il sale ha cominciato ad accumularsi su questo soffione della doccia. L’accumulo deriva dai solidi disciolti (sali) nell’approvvigionamento idrico. Gli stessi sali si depositano anche nel terreno e nei contenitori.

I minerali si sciolgono nelle acque di falda da rocce e sedimenti. Le fonti d’acqua nelle regioni con ridotte precipitazioni o desertiche contengono livelli relativamente elevati di sali minerali disciolti. Ad esempio, la Spagna meridionale e l’Italia, gli Stati Uniti sudoccidentali e gran parte del Messico hanno tutti alti livelli di sali minerali disciolti nelle acque di falda.
Oltre l’85 percento delle coltivazioni negli Stati Uniti ha acqua dura. Molti fiumi e torrenti in Alaska, nella regione dei Grandi Laghi e nel Tennessee hanno acque moderatamente dure. L’acqua dura e molto dura scorre in quasi tutti gli Stati d’America. I corsi d’acqua in Arizona, Kansas, New Mexico e California meridionale hanno l’acqua più dura, con minerali disciolti che superano le 1.000 ppm.
L’acqua dolce scorre in molte parti delle Hawaii, del New England, del Pacifico nordoccidentale e degli Stati del Sud Atlantico e del Golfo. Per avere un’idea di quanto sia dura l’acqua nelle varie zone degli Stati Uniti, visitate
www.qualitywatertreatment.com/city_water_guide.htm.
Se la vostra acqua è dolce: il pH continua a fluire nell’acqua dolce e nell’acqua purificata con pochi solidi minerali disciolti (meno di 60 ppm) a causa della capacità di tamponamento ridotta o nulla. Questo problema può essere risolto stabilizzando il pH e aggiungendo calcio e magnesio solubili, che si possono acquistare nei negozi d’idrocoltura con il nome “Cal-Mag”.
Se la vostra acqua è dura: trattatela con la migliore soluzione: l’osmosi inversa (RO).
cascata
Un ruscello di montagna a Vancouver, BC, è un’ottima fonte di acqua fresca e pulita. Ma la maggior parte delle fonti d’acqua disponibili ai coltivatori sono tutt’altro che incontaminate.

Se l’acqua è acida o alcalina: se la EC è bassa, l’acidità o l’alcalinità sono deboli e non causeranno problemi. Se l’acidità o l’alcalinità sono guidate da ioni multivalenti, aggiungeranno direttamente un protone H o OH (composti che non cambiano la situazione per associazione). Per esempio, un acido organico è debole e richiede meno idrossido aggiunto per neutralizzare rispetto all’acido fosforico, che ha bisogno di più idrossido per neutralizzare.
Potrebbero esistere altre condizioni, come per esempio la concentrazione e la forza (molalità) di una soluzione acido/basica. Eliminate i sali che causano problemi utilizzando un filtro a osmosi inversa. Oppure investite in un sofisticato sistema a iniettore per monitorare e regolare il pH. Molti iniettori, in particolare quelli di Anderson, hanno più ingressi per iniettori che possono così iniettare soluzioni in sequenza provenienti da fonti diverse per regolare il pH e iniettare nutrienti specifici.

Jorge Cervantes è l’autore della ć (596 pagine, oltre 2.000 immagini a colori, in formato A4) e di Marijuana Horticulture (ossia la Bibbia). Entrambi sono disponibili in vendita su Amazon a livello internazionale. La Cannabis Encyclopedia contiene un ottimo capitolo sull’acqua. Contattate Jorge su www.marijuanagrowing.com.

 
Articoli simili: Nutrizione e qualità dell’acqua per la coltivazione della cannabis

AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.