Prevenzione di malattie e parassiti

Prevenzione di malattie e parassiti
Le coltivazioni pulite e ben curate danno pochi problemi di malattie e parassiti. Al contrario, le colture sporche, umide e mal tenute che ho visto hanno avuto problemi di oidio, di marciume delle cime, di acari, di tripidi e di molte altre malattie e parassiti. Le coltivazioni problematiche producono raccolti inferiori agli standard.

Prevenite malattie e parassiti controllando ciò che attira malattie e parassiti e li aiuta a moltiplicarsi. Rimuovete i nascondigli umidi e poco igienici. Indossate abiti puliti. Lavatevi le mani e gli attrezzi dopo aver toccato le piante malate. Se le malattie attaccano una o più piante, isolatele e trattatele separatamente.

Tenete pulita la vostra coltivazione. Spazzate per terra e i passaggi quotidianamente. Coprite i sentieri sporchi con barriere di erbacce tessute per ridurre al minimo la polvere e il fango e agevolare la pulizia. Igienizzate i pavimenti, i muri, i contenitori, ecc. delle coltivazioni delimitate con una soluzione di candeggina al 5 percento. Utilizzate pacciame organico pulito – paglia, fieno di erba medica, compost ben decomposto, ecc. – outdoor, che sia privo di malattie e sostanze chimiche. Non utilizzate foglie di cannabis contaminate o dell’altro pacciame infetto e infestato da parassiti. Indoor e in serra usate pacciame che possa essere sterilizzato, compresi i pellet di argilla espansa, la carta e la plastica.

Prevenzione di malattie e parassiti
Le piante outdoor di grandi dimensioni che sono forti e sane non prendono malattie e parassiti.

I coltivatori trasportano molte malattie e parassiti che potrebbero distruggere le loro coltivazioni. Alcune semplici e regolari precauzioni sanitarie prevengono malattie e parassiti. Indossare vestiti puliti – magliette, scarpe, pantaloni, guanti – soprattutto nelle aree delimitate. Queste semplici precauzioni mantengono i problemi al di fuori delle mura della coltura. Predisponete un catino di soluzione di candeggina diluita al 5 percento fuori dalla coltivazione per sterilizzare le scarpe. Entrate con le scarpe nella soluzione ogni volta che fate ingresso nella coltura. I coltivatori professionisti di cannabis medica utilizzano questa valida tecnica per prevenire l’ingresso di malattie e parassiti nelle loro coltivazioni indoor e in serra.

Lavatevi le mani per almeno 20 secondi con sapone e acqua calda prima di toccare il fogliame e dopo aver maneggiato le piante malate. Applicate alcune gocce di alcool da sfregamento (isopropilico) sulle mani per una rapida igienizzazione fra una manipolazione e l’altra delle piante malate. Il lavaggio delle mani uccide batteri, funghi e virus indesiderati.

Malattie e parassiti passano da una pianta all’altra su attrezzi sporchi, contenitori e materiale vario. Disinfettate gli attrezzi e il materiale immergendo o strofinando con alcool per sfregamento, soluzione di candeggina al 5 percento, disinfettanti commerciali o sterilizzati con una torcia a mano per uccidere eventuali malattie e parassiti. Un rapido riscaldamento con la torcia sterilizzerà gli attrezzi in pochi secondi. È molto più facile tenere puliti dei set separati di attrezzi e materiale per coltura indoor, in serra e outdoor.

Eliminate le piante malate dalla coltura mettendole in contenitori e trattatele in isolamento. Una singola pianta debole e malata può diffondere in poco tempo problemi devastanti nella coltivazione. Se non potete isolare le piante, prendete in considerazione la possibilità di eliminarle e di distruggerle nel caso in cui i problemi dovessero essere gravi.

Prevenzione di malattie e parassiti
Questa grande serra dispone di luci per mantenere le piante in fase vegetativa.

Le malattie del suolo e i parassiti e le loro uova vivono nel terriccio usato contaminato e nelle miscele senza terra di piante containerizzate. La struttura e la consistenza dei substrati di coltura usati si deteriorano. Le radici penetrano più lentamente nei substrati compattati e c’è meno spazio per l’ossigeno, il che limita l’assorbimento dei nutrienti. Il terriccio usato è privo di nutrienti e presenta squilibri nutritivi. Le piante denutrite crescono in terreni di coltura soggetti a malattie. Queste piante malate sono il bersaglio perfetto di malattie e infestazioni parassitarie.

Evitate i problemi. Smaltite i substrati di coltura usati o incorporateli nel terreno della coltivazione outdoor. Risparmiare sull’acquisto di terriccio sarà ripagato con una diminuzione della resa e con la perdita dei raccolti. Iniziare un nuovo raccolto in un nuovo substrato di coltura costerà di più all’inizio, ma eliminerà molti problemi potenziali.

La sostituzione del terreno e di altri substrati può essere proibitiva in termini monetari per le coltivazioni di grandi dimensioni. Il riutilizzo del terreno richiede manodopera extra e competenze tecniche.

La ventilazione dell’aria è fondamentale in tutte le colture, siano esse indoor, outdoor e in serra. Indoor e in serra, la ventilazione passiva è la modalità di controllo dell’umidità più semplice e meno costosa a disposizione. Aprite le bocchette d’aria passive in entrata e in uscita per creare un flusso d’aria naturale usando un semplice principio fisico: l’aria calda sale. Le bocchette di aspirazione situate vicino al livello del suolo portano aria fresca che viene aspirata dalle bocchette di uscita situate vicino al soffitto.

Prevenzione di malattie e parassiti
Un selfie di fronte a una coltura estremamente produttiva in California.

Indoor un ventilatore collegato a un umidostato è spesso la soluzione più efficace per controllare l’umidità. Ho visitato diverse stanze di coltura e serre con scarsa ventilazione, alcune addirittura senza ventole di estrazione. L’aria umida che ristagnava era così forte che mi ha fatto appannare gli occhiali. La soluzione è semplice, installare una ventola per aspirare l’aria umida viziata.

Installate ventole abbastanza grandi da rimuovere in poco tempo l’aria umida e mantenere l’umidità al 50 percento o meno. Collegare i generatori e gli emettitori di CO2 a un controller che gestisce l’estrazione dell’aria. I generatori di CO2 aumentano la crescita della cannabis, ma per contro creano calore e umidità.

I deumidificatori sono relativamente economici, facilmente reperibili e svolgono un buon lavoro nel tenere sotto controllo l’umidità nelle aree chiuse. I deumidificatori assorbono energia elettrica extra e l’acqua condensata deve essere eliminata su base quotidiana. La maggior parte dei condizionatori d’aria possono essere impostati su un livello di umidità specifico. Il legno, il carbone e il calore elettrico asciugano e deumidificano l’aria. Aprite le bocchette del calore domestico e dei condizionatori d’aria che si trovano nelle coltivazioni indoor per contribuire a controllare la temperatura e a mantenere bassa l’umidità.

Outdoor, la riduzione dell’umidità richiede pianificazione. Piantate in aree con flusso d’aria naturale come passaggi d’aria e pendii delle colline. Non piantate in fondo a un canyon o in una valle dove l’aria si ferma e ristagna. Una volta che le piante sono nel terreno, l’umidità è praticamente impossibile da controllare. Le piante in container possono essere spostate in luoghi con flusso d’aria naturale nel caso in cui le condizioni climatiche cambino.

La circolazione dell’aria rende la vita molto difficile a malattie e parassiti. Molti parassiti sono letteralmente spazzati via dal vento. Le spore dei funghi hanno poco tempo per insediarsi con la brezza e crescono male sul terreno, sui gambi e sulle foglie essiccati al vento. Installate dei ventilatori per la circolazione dell’aria indoor e in serra.

Potate ed eliminate i rami spinosi e il fogliame all’interno delle piante. Questo aumenterà la circolazione dell’aria all’interno delle piante in modo che l’aria stagnante possa essere evacuata in modo efficiente. Tutte le piante indoor, in serra e outdoor traggono vantaggio dall’eliminazione del fogliame di basso valore.

Piantate varietà di cannabis resistenti agli insetti e alle muffe. In generale, le varietà a predominanza indica sono più resistenti ai parassiti e le varietà a predominanza sativa sono più resistenti agli attacchi fungini. Scegliete piante madri che sapete essere resistenti alle malattie e ai parassiti. La resistenza a malattie e parassiti stanno appena cominciando a diventare una priorità tra i selezionatori professionisti. Ad oggi, sono disponibili poche varietà resistenti alle malattie e ai parassiti. Questo è un altro motivo per cui le tecniche di coltivazione sanitarie sono fondamentali per proteggere le piante da questi distruttori di coltivazioni.

Impiegate tutte queste misure preventive e la vostra coltivazione avrà meno problemi con malattie e parassiti. E quando si presentano problemi di malattie e parassiti, sarà molto più facile individuarli e correggerli. Prevenire l’insorgenza di malattie e parassiti è molto più facile rispetto a eliminare un’infestazione. Se le malattie e i parassiti non sono tenuti sotto controllo, possono devastare la coltura nel giro di poche settimane.

Le coltivazioni indoor delimitate sono più soggette a malattie e parassiti perché offrono un ambiente ospitale alle malattie che distruggono la cannabis. Delimitate completamente (sigillate) le stanze di coltivazione in modo che l’ambiente possa essere controllato in modo efficiente. Un po’ di pressione negativa nelle colture delimitate rende la vita difficile a malattie e parassiti.

Le serre si scaldano quando esce il sole e si raffreddano in poco tempo quando il sole scompare. La temperatura può salire rapidamente oltre la soglia di sicurezza di 29 gradi centigradi. Le temperature elevate rallentano la crescita e provocano molti altri problemi. Quando le temperature si abbassano, l’umidità relativa sale in poco tempo causando la formazione di condensa ovunque: su muri, fogliame, terreno, ecc.

Le coltivazioni outdoor sono le mie preferite! Sono meno soggette a malattie e parassiti perché le forze naturali – luce del sole, vento, pioggia e predatori naturali – tengono sotto controllo malattie e parassiti.

Controllate le malattie e i parassiti. Se la prevenzione si dimostra inadeguata e compaiono malattie, saranno necessarie misure di controllo metodiche. Le malattie possono diffondersi a macchia d’olio se si presentano condizioni favorevoli. Se le malattie prendono piede, anche dopo l’adozione di tutte le misure preventive, intervenire immediatamente. Individuate la malattia o parassita che ha provocato il danno. Valutate la portata dell’infestazione. Agite poi per tenere il tutto sotto controllo.

Jorge Cervantes è l’autore della Cannabis Encyclopedia (596 pagine, oltre 2.000 immagini a colori, in formato A4) e di Marijuana Horticulture (ossia la Bibbia). Entrambi sono disponibili in vendita su Amazon a livello internazionale. La Cannabis Encyclopedia contiene un ottimo capitolo sull’acqua. Contattate Jorge su www.marijuanagrowing.com.

Messaggi recenti

Informazioni su Soft Secrets

Soft Secrets è la fonte principale di informazione per la coltivazione della cannabis, la legalizzazione, la cultura e l’intrattenimento per il suo pubblico dedicato e diversificato in tutto il mondo. La chiave è collegare le persone attraverso informazioni rilevanti e attuali con lo stesso interesse per la salute, lo stile di vita e le opportunità di business che la cultura della cannabis ha da offrire.

AVETE BISOGNO DI AIUTO PER UN PROBLEMA LEGATO ALLA DROGA? CONTATTATE LA VOSTRA LINEA DI ASSISTENZA LOCALE IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. IN CASO DI IMMEDIATE CIRCOSTANZE DI PERICOLO DI VITA, CHIAMATE SUBITO IL 911!

Lascia una risposta